Crea sito

Anziani

Ci hanno insegnato a partire all'alba per non arrivare mai in ritardo, ora dobbiamo sempre aspettare
Abbiamo imparato ad arrivare in fretta a tavola, consumare poco e tornare al lavoro,
Ora attendiamo in silenzio mentre finisci di giocare a quello schermo per venire a dedicarci
Quel quarto d'ora rubato al tuo mondo, in cui cercheremo di strappare un sentimento.

Abbiamo corso sotto le bombe per fuggire alla morte, ora non abbiamo più fiato per arrancare
Ci dicevano che dovevamo rischiare la vita per fare la storia, ma di quella storia ormai
Non restano che tanti ricordi trattenuti a fatica, li tendiamo come un tesoro da custodire
Un tesoro che nessuno vuole custodire, che nessuno vuole cogliere dalle nostre mani.

Ci hanno detto che dovevamo lavorare e sopportare il dolore e la fatica, e che dovevamo
Rispettare gli anziani, che da anziani ci saremmo divertiti, e saremmo stati rispettati:
Oggi non siamo che rifiuti non ancora riciclabili, carte trascinate dal vento senza meta,
Che nessuno vuole raccogliere, con cui nessuno si vorrebbe sporcare.

Abbiamo passato la vita a lavorare per vedere i nostri figli sorridere ed ergersi
Al di sopra della miseria che inonda ogni nostro ricordo, che ci ha sempre accompagnati
Ma dalle camere di un grigio ospizio dove non entra il sole, ma solo un suo vuoto riflesso
Si scopre che ci sono cose che fanno molto più male della miseria.